INTIMITA’ VIOLATE: campagna contro il Revenge Porn

Intimità violate” è il titolo della campagna di sensibilizzazione sul fenomeno del revenge porn nata dalla collaborazione tra la Federazione degli Studenti provinciale e il comitato Arcigay Arezzo “Chimera Arcobaleno” con l’obiettivo di informare e prevenire la cosiddetta pratica della “vendetta porno” sempre più diffusa nel web.

body-paint di Agnese Pucci, foto di Gabriele Spadini

Per revenge porn si intende infatti: la condivisione, diffusione o pubblicazione, in particolare sul web attraverso social network, siti o app di messaggistica instantanea, di materiale fotografico o video sessualmente esplicito senza il consenso della persona rappresentata, generalmente o a scopo di vendetta (per la fine di una relazione, un tradimento o semplicemente per aver ricevuto un rifiuto) o con finalità estorsive o, infine, per puro divertimento (?!). Dal 2019 con la legge cosiddetta “codice rosso” questa pratica è considerata un reato, infatti chiunque dopo averli realizzati o sottratti, invia, cede, pubblica o diffonde con qualsiasi mezzo foto o video a contenuto sessualmente esplicito destinati a rimanere privati, senza il consenso di chi vi è rappresentato/a è punito con la reclusione e una multa.

Ma la campagna “Intimità violate” intende andare anche oltre denunciando l’oggettivazione e l’eccessiva sessualizzazione del corpo molto presente nella nostra società e nelle campagne di marketing, promuovendo l’autodeterminazione delle persone ed un corretto uso dei social network e di internet attraverso messaggi quali: “il corpo è mio, posso mostrarlo come quando e a chi voglio io” oppure “il sexting è ok, il revenge porn no”, “l’intimità di una persona non è un gioco” fino ad un appello rivolto a chiunque a non rimanere indifferenti, a segnalare e non avallare o giustificare una pratica così violenta.

La campagna è frutto di un lavoro collettivo, infatti le illustrazioni e le foto sono opera di diversi giovani artisti locali che hanno messo a disposizione il loro talento: Tania Bidini, Caterina Bigazzi, Nicola Catalani, Marta Giangregorio, Beatrice Amestista Gorelli, Andrea Lisa Papini, Eleonora Rossi e Suleyman Segbo che hanno realizzato le opere inedite delle card e la modella Irene Acciai che ha messo a disposizione sue foto di nudo artistico, mentre la copertina è un’opera di body-paint a cura di Agnese Pucci, fotografata da Gabriele Spadini. Ognuno/a quindi con il proprio stile (pittura, disegno, grafic-art, body-paint, fotografia ecc…) ha tentato di dare rappresentazione visiva ad un messaggio.

Ecco le 10 card che sono state pubblicate quotidianamente nei canali social di Chimera Arcobaleno e FdS Arezzo:

body-paint a cura di Agnese Pucci, fotografia di Gabriele Spadini, hanno posato Annalisa, Giada e Matteo, attivisti di Chimera Arcobaleno e FdS.
opera di Marta Giangregorio

L’intimità e la reputazione di una persona possono essere violate per sempre con un solo clic. Diffondere materiale sessualmente esplicito di una persona senza il suo consenso è violenza ed è un reato perseguibile dalla legge. Non è la vittima di revenge porn a doversi vergognare, ma chi lo pratica.
opera di Eleonora Rossi

E se fosse tua sorella? O il tuo migliore amico?
Chiunque può essere colpita/o o ricattata/o tramite il revenge porn, indipendentemente dal genere, dall’età, dall’orientamento sessuale o dall’espressione di genere.
E forse i/le carnefici possono essere più vicino di quanto si creda…

opera di Caterina Bigazzi

Niente giustifica la diffusione di immagini o video sessualmente espliciti senza consenso di chi ne è protagonista !
in foto la modella Irene Acciai

Il corpo è mio. Posso mostrarlo come, quando e a chi voglio io. 
I miei nudi sono ok.

E tu NO, non hai il diritto di commentarmi ne’ di mostrarli a chi vuoi tu.
opera di Tania Bidini

Farsi foto o video intimi e condividerle consapevolmente con chi vuoi (sexting), è ok. Diffondere foto o video espliciti di qualcun* senza il suo consenso (revenge porn) è reato.
opera di Bea Ametista

Con l’intimità di una persona non si scherza: realizzare immagini o video intimi può essere un gioco complice e divertente SOLO se è consensuale.
Diffondere quel materiale senza il permesso di chi ne è protagonista è una violenza ed è un reato perseguibile per legge.
opera di Suleyman Segbo

L’oggettivazione, la sessualizzazione del corpo umano, soprattutto quello femminile, e la sua de-umanizzazione possono legittimare violenza. Anche il revenge porn è violenza.
Se ricevi o scarichi un’immagine sessualmente esplicita, prima di condividerla o diffonderla ricorda che c’è una persona umana dietro lo schermo, non un oggetto.

opera di Nicola Catalani

Se sei vittima di revenge porn ecco COSA PUOI FARE:
→ trova una persona fidata che ti possa aiutare e supportare
→ raccogli le prove digitali di immagini o video che ti riguardano 
→ denuncia alla Polizia postale o altre forze dell’ordine (entro 6 mesi)
→ se vuoi, rivolgiti ad un legale o ad associazioni di categoria
→ mantieni la calma, non pubblicare i nominativi di chi ha diffuso le tue immagini
Foto di Andrea Lisa Papini

Se vieni a conoscenza di fatti o persone vittime di revenge porn SEGNALA !
→ se vieni inserit* in gruppi Telegram sospetti o in cui vengono condivise immagini pedo-pornografiche, eliminali immediatamente e segnala alle autorità
→ se ri-conosci la persona protagonista di materiale intimo, avvisala!
→ sensibilizza chi ti sta intorno sulle conseguenze del revenge porn

Caterina Bigazzi ed Elena Appiano, coordinatrici rispettivamente territoriale e provinciale della Federazione degli Studenti di Arezzo, dichiarano: “Il revenge porn è purtroppo una pratica molto diffusa nel web. I giovani e giovanissimi, che sono tra i fruitori principali di app e social network, spesso affrontano questa tematica con leggerezza, senza rendersi conto di quanto sia grave violare in questo modo la libertà dell’altro/a. Perciò abbiamo voluto fortemente portare avanti questa campagna insieme a Chimera Arcobaleno, in modo da sensibilizzare tutti/e ad un uso responsabile dell’internet“.

Chiunque può essere vittima o carnefice di revenge porn indipendentemente dall’età, dal sesso, dall’identità di genere, dall’orientamento sessuale o dalla provenienza e Arcigay Chimera Arcobaleno ha una mission intersezionale – dichiara la presidentessa Veronica Vasarriper questo è stato naturale occuparci anche di questo tema. Inoltre siamo felici che si consolidi così la proficua collaborazione con la Federazione degli Studenti”.

Condividi sui social

Previous
Next

CHIMERA ARCOBALENO
ARCIGAY AREZZO

Via Garibaldi 135
52100, Arezzo

CF: 92073440510

About

Chimera Arcobaleno” è un’associazione di promozione sociale nata nel dicembre 2009 per affermare la piena realizzazione e visibilità delle persone gay, lesbiche, bisessuali e transgender della provincia di Arezzo, con l’obiettivo di contrastare omofobia, transfobia, pregiudizi, discriminazioni e violenza in ogni loro forma.

© Copyright 2018 Chimera Arcobaleno Arcigay Arezzo. Tutti i diritti riservati.